lunedì 24 ottobre 2011

ROSMARINO: profumo di mare

Rosmarino in fiore
Un cespuglio di Rosmarino ci regala bellezza e salute.
Il suo aspetto un po' burbero e il suo odore lo rendono inconfondibile. 

Il Rosmarino è arbusto spontaneo in odor di mare, infatti il suo nome di origine latina ros, rugiada, e maris, mare, sottolinea il suo habitat preferito.
L’azione caratteristica del Rosmarino è quella di stimolare, tonificare, rivitalizzare il nostro e il nostro animo. 

Questa Erba Aromatica stimola la digestione e tonifica il fegato.

 In caso di diarrea ci dovremmo ricordare delle sue proprietà astringenti  dovute alla presenza del tannino. 
Inoltre il Rosmarino ha effetto corroborante
L'olio essenziale impiegato, ad esempio per profumare l'ambiente, può risultare efficace per migliorare la memoria e la concentrazione, se non avete l’olio essenziale ponete dei rametti di rosmarino sul vostro luogo di lavoro. 


Nel caso di emicrania per stress o sovraffaticamento mentale, provate a rompere qualche foglia e sfregarla sulle tempie.

L’infuso di Rosmarino, ovviamente, adeguando le quantità ci sarà di aiuto come rimedio casalingo in almeno nei seguenti casi:


  • Per capelli: usatelo per sciacquare i capelli, li rinforza, soprattutto in caso di forfora la vostra chioma migliorerà



  • Per la pelle: da usare come tonico per la pulizia della pelle, anche per togliere quel senso di stanchezza e rinfrescarsi per un dopo cena.



  • Per il bagno: alla luce della sua azione propulsiva, il bagno al rosmarino è indicato per un buon risveglio. Utile per togliere l’affaticamento muscolare dopo l’attività fisica. Non è il tipo di bagno aromatico da fare prima di coricarsi, piuttosto per ritrovare l’energia per uscire. Basta provare, per capire quanto siate sensibili alla ricarica di questa pianta, magari provate a fare brevi bagni.

Consigliato anche per i reumatismi, insomma quando ci si sente appesantiti per la stanchezza e accartocciati, un abbondante infuso aggiunto all'acqua del bagno ci fa farà rifiorire. 


  • Per pediluvio: con quanto detto sopra è una naturale applicazione, per smaltire quel fastidio del gonfiore alle gambe o anche le conseguenze della scelta sbagliata di una paio di scarpe. 



  • Per lavande vaginali: in presenza di perdite vaginali, può essere usato per irrigazioni vaginali.



  • Per la bocca: gargarismi per afonia e sciacqui per rinfrescare le gengive.



  • Per la digestione: una tazza a fine pasto stimola una buona digestione.

La sua azione sul fegato è straordinaria.
L’uso di metterlo per insaporire le carni non è solo un espediente culinario, ma un piacevole aiuto, infatti incrementa la digeribilità delle pietanze.