sabato 22 giugno 2013

IPERICO: LEGGENDE E MITO

iperico



Se non lo si vedesse splendere nella sua solarità, potremmo dire che l’iperico è una leggenda.
Iniziamo a capire il suo nome:
iperico dal greco antico significa “oltre l’immagine". 


Osservando attentamente le foglioline si notano dei piccoli punti che fanno filtrare la luce, quindi il suo nome potrebbe essere legato a questa caratteristica delle foglie. 
Da altra parte l’iperico ha la capacità di scacciare i cattivi pensieri, quindi di ridare la speranza di vedere oltre i brutti momenti.
Questo ci riporta alla prima leggenda legata a questa preziosa erba spontanea.
Secondo l’antico mito l’iperico sarebbe nato dal sangue di Prometeo, punito da Zeus per aver donato il fuoco agli uomini. Il fuoco che allontana le tenebre o come luce della ragione, che permette agli uomini di vedere oltre nel bene e nel male.

Una leggenda un po’ meno antica, lega l’iperico al San Giovanni il Battista, che fu decapitato per volere di Salomè. Anche per questo racconto l’iperico venne germogliato dal sangue, in questo caso di San Giovanni.
In virtù della leggenda o per il fatto che la sua fioritura si manifesti intorno alla seconda metà di giugno (23 giugno viene ricordato San Giovanni) l’Iperico è conosciuto come Erba di San Giovanni
I fiori di uno splendente giallo contengono l’ipericina in grado di trasformare l’olio in color rosso rubino.
Un altro nome con cui è conosciuto l’iperico e “scacciadiavoli” perché si riteneva che avesse il poter di tenere lontani gli spiriti maligni, per cui mazzi di scacciadiavoli venivano appesi alle porte, oppure messi sono i cuscini per garantire una buonanotte.

Si narra che il Diavolo in persona cercasse di forare le foglie dell’Erba di San Giovanni per poter permettere il passaggio ai suoi malefici eserciti, tuttavia la pervicace pianta non cedette e che piccoli fori delle foglie sono il ricordo di questa battaglia
Iperico e Achillea